Pubblicato il

Alpe, l’elevata spesa sanitaria non è sinonimo di eccellenza

Alpe, l’elevata spesa sanitaria non è sinonimo di eccellenza

Dal 2009 a oggi 10 casi di malasanità di cui 9 mortali: è quanto emerge da un'inchiesta nazionale

Ha focalizzato l’attenzione sulla sanità il capogruppo di Alpe Patrizia Morelli: ”Non c’è proporzionalità tra la spesa sanitaria e la qualità della salute”. Lo ha sottolineato intervenendo nel dibattito generale sulla finanziaria regionale. ”In Valle d’Aosta la spesa sanitaria procapite è di 2.210 euro – ha spiegato la Morelli -, seconda solo alla Provincia di Bolzano, ma una spesa elevata non è sinonimo di eccellenza”. Il capogruppo di Alpe ha citato un’inchiesta condotta dall’aprile del 2009 al settembre 2011 dalla quale emerge che in Valle si sono registrati 10 casi di malasanità, nove dei quasi mortali. ”Dati impressionanti se rapportati agli abitanti. Dati che devono far riflettere”. Per il settore sanitario il bilancio mette a disposizione quasi 230 milioni di euro ossia il 20% delle risorse a disposizione- ‘’Non tutto è da buttare, ma è necessaria una razionalizzazione della spesa’’.

ULTIME NOTIZIE